Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
18/12/2009 11:24
Sanità La rete di sorveglianza tiene sotto osservazione l’ospedale e il territorio

Influenza A H1N1, ora il vaccino per gli adolescenti e i giovani adulti sani

Decremento dei casi segnalati dal pronto soccorso e dai medici di medicina generale

Prosegue la campagna di vaccinazione contro l’influenza AH1N1. Come previsto dal Ministero della Salute questa settimana è iniziata la vaccinazione dei bambini, adolescenti e giovani adulti sani.

In questa fase, quindi, la vaccinazione è offerta:

-         ai bambini e adolescenti dai 6 mesi ai 17 anni;

-         ai giovani adulti tra 18 e 27 anni .

Le indicazioni ministeriali hanno ulteriormente ampliato le categorie da vaccinare inserendo anche le persone di età superiore ai 64 anni con patologie a rischio di complicanze in caso di influenza.

Continua l'offerta e la raccomandazione ad effettuare la vaccinazione per coloro che non si sono ancora vaccinati e appartengono alle categorie già invitate a farlo:

-         operatori socio-sanitari

-         -personale delle forze delle forze di pubblica sicurezza e della protezione civile

-         personale del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco del Ministero degli Interni,

-         personale delle Forze Armate

-         personale che assicura di cui alla legge 12 giugno 1990 e successive modificazioni

-         donatori di sangue periodici 

-         donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza e donne che hanno partorito  da meno di 6 mesi

-          persone a rischio di età compresa tra 6 mesi e 64 anni

La vaccinazione rappresenta il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze. 

Sebbene attualmente si osservi una riduzione della frequenza della malattia, la raccomandazione a vaccinarsi contro l’influenza AH1N1 rimane comunque forte visto che  l’influenza tende a presentarsi anche in ondate successive.

In questa settimana l’andamento dell’influenza A/H1N1 ha mostrato un ulteriore decremento rispetto a quanto osservato nella precedenti settimane. Gli accessi al Pronto soccorso dell’ospedale si sono stabilizzati e si è registrata una riduzione della presenza di bambini. Anche i ricoveri per influenza si sono notevolmente ridotti così come le visite da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta.

97/09

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it