Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
20/12/2010 15:24
Sanità Con opportuni comportamenti si possono evitare le insidie del gelo

E’ arrivato il grande freddo, consigli per difendersi e non ammalarsi

Per uscire sciarpa, cappello e guanti. Bene consumare la frutta e la verdura

Temperature in picchiata e neve anche in città. Difendersi dal freddo è possibile con opportuni comportamenti. Particolari cautele riguardano anziani e bambini, ma anche persone giovani in buono stato di salute possono subire conseguenze anche gravi in seguito a eccessiva esposizione a valori di temperatura particolarmente bassi.

In casa, è bene evitare che l’aria, per i termosifoni accesi, diventi troppo secca umidificando con appositi contenitori d’acqua posti sui radiatori e aerando periodicamente gli ambienti. Se sono usate stufe elettriche, meglio evitare il contatto ravvicinato con le mani o altre parti del corpo. 

E’ consigliabile uscire nelle ore meno fredde della giornata vestendosi con un abbigliamento adeguato senza dimenticare guanti, cappello e sciarpa con la quale coprire la bocca in modo che venga parzialmente riscaldata l’aria respirata. Particolare attenzione va prestata quando si passa da un ambiente riscaldato ad uno freddo e viceversa. Meglio vestirsi “a cipolla” in modo da potersi adeguare agli ambienti caldi interni e a quelli freddi esterni.

Per quanto riguarda l’alimentazione è indicato assumere pasti e bevande caldi. Il consumo di adeguate quantità di liquidi e di cibi aiuta a soddisfare le aumentate richieste metaboliche finalizzate alla produzione di maggiore calore interno. Bere liquidi come the e tisane, spremute d’arancia. A tavola privilegiare frutta e verdura ricche di vitamine e sali minerali tanto importanti per difendersi dal freddo. Anche il latte e il miele sono un ottimo rimedio contro il freddo. Non devono mancare carne e pesce, perché apportano le proteine necessarie a fornire calore ed energia, ma è meglio non appesantirsi con cotture elaborate. Le bevande alcoliche e i superalcolici possono causare un’eccessiva dispersione del calore prodotto dal corpo favorendo l’insorgere di ipotermia.

Se non strettamente necessario, meglio evitare gli spostamenti in automobile e i viaggi in caso di ghiaccio e neve. Ma se si viaggia in automobile, è consigliato portare con sé coperte e bevande calde.

93/10

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it