Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
16/11/2011 16:12
Sanità Il riconoscimento al congresso di Genova del Gruppo di Studio Emodinamici

Importante premio ai tecnici della Sala Emodinamica per ricerca scientifica

Nello studio scientifico l’impegno degli operatori di Cardiologia e Radiologia dell’ospedale

Premio del Gruppo di Studi Emodinamici (GISE), ai tecnici di Radiologia della Sala emodinamica dell’Unità operativa di Cardiologia diretta da Francesco  Bellandi, e dell’Unità operativa Radiologia diretta da Rossana Fargnoli come miglior contributo scientifico presentato dal personale Tecnico Infermieristico al XXXI congresso nazionale del Gruppo di Studi Emodinamici che si è tenuto a Genova. GISE è la società scientifica nazionale che raccoglie sia il personale medico che quello tecnico infermieristico impegnati nell’ambito della cardiologia invasiva. Il congresso nazionale, a cadenza annuale, è un importante appuntamento per l’aggiornamento, lo scambio culturale, la conoscenza di nuovi materiali e la discussione delle ultime ricerche scientifiche.

La ricerca “Incidenza di nefropatia da mezzo di contrasto e uso dell’iniettore automatico in sala emodinamica” ha riguardato le possibilità di prevenire il danno renale indotto dal mezzo di contrasto angiografico, utilizzato per eseguire l’angiografia dei vasi coronarici e l’angioplastica, cioè la tecnica di riapertura delle arterie coronarie con il palloncino e l’impianto di protesi metalliche dette stent.

Con questa ricerca è stato dimostrato come, con l’utilizzo dell’iniettore automatico, si determini una riduzione significativa della quantità di mezzo di contrasto utilizzato e può contribuire così alla riduzione del danno renale da mezzo di contrasto angiografico, in particolare nei pazienti ad alto rischio.

67/11

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it