Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
13/11/2014 8:43
Sanità Nei mesi di settembre e ottobre giornalmente sono state controllate 4 aziende

I risultati dei primi due mesi di attività del progetto straordinario “Lavoro Sicuro”

Ad oggi 50 aziende hanno già aderito al “Patto per il lavoro sicuro” tra Istituzioni e Imprese

“Voglio sicurezza.” Non rischio. E’ lo slogan della campagna lanciata dalla Regione Toscana per il progetto triennale straordinario “Lavoro sicuro” che ha preso avvio da luglio scorso con l’obiettivo di stimolare l’emersione e la legalizzazione di imprese a conduzione e manodopera cinese. Il progetto, a livello di Area Vasta Centro, prevede che entro il 2015 siano sottoposte a controlli 4.400 (di cui 2.600 nella sola Prato) delle 7.700 aziende cinesi presenti nelle tre province.

A Prato, Il Dipartimento di Prevenzione è stato potenziato con l’assunzione di 50 tecnici della prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il Piano straordinario ha preso avvio ufficiale dal primo settembre scorso. Questi i primi risultati :

Nei mesi di settembre ed ottobre ogni settimana sono state controllate dal personale tecnico del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL4 mediamente quattro aziende ogni giorno per un totale di 152 (di cui 26 insieme al Gruppo Interforze). Delle aziende controllate circa 100 erano laboratori di confezioni, una quarantina pronto moda, 4 maglierie, 3 stirerie, 2 tinto-stamperie ed una azienda agricola. 

In 26 aziende non sono stati effettuati rilievi, in 94 imprese sono state riscontrate violazioni per le quali sono state impartite prescrizioni, e per altre 32 è stato disposto il sequestro. Le principali irregolarità riscontrate riguardano la mancanza di protezione alle macchine, l’igiene dei luoghi di lavoro e l’impianto elettrico fatiscente. Sono state rilevate anche presenza di cucine e dormitori non conformi, mancata indicazione della portate sui solai adibiti a deposito e oscuramento delle vetrate.

Dal 3 novembre i controlli sono aumentati ad una frequenza di 5 uscite per circa 10 aziende al giorno.

Nell’ambito del progetto straordinario regionale è previsto il “Patto per il lavoro sicuro” tra Istituzioni e Imprese per stimolare e favorire l’emersione e la regolarizzazione delle aziende sotto tutti i profili a partire da quello relativo alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono 50 le imprese che ad oggi hanno aderito al Patto per il lavoro sicuro.

Aderire al Patto significa agire concretamente per rispettare  le regole per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, non è prevista scadenza e vale per tutte le tipologie di impresa a prescindere dal Paese di origine del titolare.

Oltre un centinaio di aziende hanno intrapreso l’iter per l’adesione al Patto.

Il direttore del Dipartimento di Prevenzione e gli operatori dell’unità funzionale Prevenzione, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro dell’ASL 4 hanno effettuato incontri individuali e di gruppo con le aziende che hanno espresso interesse per l’adesione al “Patto” illustrando le linee guida per la valutazione dei rischi nelle confezioni e pronto moda.

v.v.

97/14

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it