Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
30/11/2016 9:26
Sanità “MIND & BRAIN. Il COLORE DELLA AMILOIDE”, SABATO 3 DICEMBRE AL MUSEO DEL TESSUTO

AL SANTO STEFANO DI PRATO UNA NUOVA METODICA PER LA DIAGNOSI DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Mind & Brain - il colore della Amiloide, è il tema del convegno nazionale che si terrà a Prato il 3 dicembre al Museo del Tessuto in via Puccetti n.3, massimi esperti a livello nazionale ( specialisti in medicina nucleare, geriatria, neurologia e fisica nucleare) si confronteranno sulle nuove tecniche di imaging bio-molecolare a disposizione per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer. La beta-amiloide è  una proteina patogena che si riscontra nel cervello dei pazienti affetti da  Alzheimer.   Diventa sempre più importante effettuare una diagnosi precoce e precisa di questa malattia, in questo senso la medicina nucleare attraverso la metodica dell’ imaging bio-molecolare rappresenta un tassello fondamentale. Questa tecnica, nell’AUSL Toscana Centro è impiegata all’Ospedale Santo Stefano di Prato e permette di verificare l’assenza di accumuli di beta-amiloide nell’encefalo.

“Si tratta di una tecnica diversa da quelle fino ad ora utilizzate per lo studio dell’encefalo – commenta Stelvio Sestini, specialista in Medicina nucleare a Prato e responsabile scientifico del Convegno –  grazie ad un nuovo radiofarmaco che si localizza su accumuli di amiloide si può determinare con certezza che non si tratta di Alzheimer quando l’esito  è negativo. Ecco perché questa nuova indagine è di aiuto al clinico nel percorso diagnostico, in quanto differenzia la malattia di   Alzheimer da altre forme di demenza nelle quali non vi è accumulo di beta-amiloide come ad esempio la demenza fronto-temporale.”

“La richiesta dell’indagine con radio farmaci per amiloide deve essere avanzata dal neurologo o geriatra specialista nel settore delle demenza – sottolinea Pasquale Palumbo direttore di Neurologia  e responsabile area malattie cerebro  vascolari e degenerative dell’AUSL Toscana Centro – in quanto non è indicata in tutti i pazienti con sospetta malattia di Alzheimer ma solo nei casi per i quali sussistono dubbi anche dopo avere effettuato una valutazione specialistica accurata e dopo aver eseguito indagini strumentali di primo e secondo livello.”

Il programma del Convegno si articola in quattro sessioni su i temi: Neuro -imaging ed arte visiva, Amiloide cerebrale e neuro-imaging; Da Berkeley all’open source; Laboratorio di neuro immagini. I lavori inizieranno alle ore 9.00 e si concluderanno alle 17.30. 

 L’evento è organizzato dall’AUSL Toscana Centro - medicina nucleare dell’Ospedale di  Prato, con il patrocinio di: PIN – Polo Universitario città di Prato; Associazione Italiana Medicina Nucleare; Comune di Prato e SNO – Scienze Neurologiche Ospedaliere.

v.v.

140/16

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it