Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
10/02/2018 12:35
Sanità Applausi e grande soddisfazione per i ragazzi del progetto “Circus Aut e Out” nello spettacolo tenuto ad Annot in Francia

L’arte del Circo come percorso terapeutico

S critto da Vania Vannucchi  , sabato 10 febbraio 2018  

L’arte circense come terapia: attività acrobatica, giocoleria ed equilibrismo, sono le discipline applicate con un nuovo metodo di lavoro nel progetto  “Circus Aut Out” (il circo visto con altri occhi), dedicato ai ragazzi affetti da disturbi dello spettro autistico.

E’ nato tre anni fa  dalla collaborazione tra il Dipartimento Salute mentale di Empoli e la Casa di Ventignano, Centro Diurno per ragazzi con disturbi dello spettro autistico e Circo Libera Tutti, Associazione che promuove le arti circensi, il circo ludico-educativo ed il circo sociale. In questi anni hanno partecipato al progetto 15 ragazzi di età compresa fra i sei ed i quindici anni.

L’attività circense è un percorso terapeutico strutturato su principi teorici della Ted (modello per persone affette da autismo) ideato dalla professoressa Catherine Barthélémy ( uno dei massimi esperti sull’autismo a livello internazionale) nel 1976.

Una equipe multiprofessionale composta da: neuropsichiatra infantile, maestro di circo, educatore professionale ed assistenti,  propongono esercizi delle discipline circensi in modo da far sperimentare e sviluppare la percezione del proprio corpo e delle proprie capacità sia motorie che sociali. Tutto ciò si svolge in un clima ludico ed ecologico con l’obiettivo di stimolare funzioni cognitive deficitarie come l’attenzione, l’imitazione ecc…

Lo scorso 23 gennaio, undici  ragazzi del progetto “Circus Aut Out” si sono esibiti in pubblico ad Annot in Francia, alla presenza del Sindaco, dopo aver intrapreso un viaggio di sei ore. Lo spettacolo ha avuto un grande successo e tutti  hanno accolto con gioia i calorosi applausi. I ragazzi hanno avuto anche il piacere di assistere ad uno spettacolo del Circo Internazionale a Montecarlo. L’invito è stato rivolto dalla presidente dell’Associazione Monaco Disease Power, Muriel Natalilaure che ha ospitato i ragazzi e gli accompagnatori nella Maison d’Amelie, una casa vacanze per persone con handicap.

Le attività proposte nel progetto, ha spiegato la dottoressa Cinzia Pieraccini – neuropsichiatra infantile dell’AUSL Toscana Centro e ideatrice del progetto – stanno ottenendo risultati inaspettati. I ragazzi riescono a collaborare tra di loro e con gli assistenti di circo in un clima di reciprocità, disponibilità e divertimento. Hanno acquisito la capacità di adattarsi ai tempi ed agli stati d’animo di un vero e proprio spettacolo teatrale. Sono molto soddisfatta del lavoro svolto e del viaggio, un successo dal punto di vista umano e professionale.”

V.V.

11/18

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it