Azienda USL 4 di Prato
salta la barra
11/05/2018 9:10
Sanità Prosegue l’azione di vigilanza del Piano Regionale per il lavoro sicuro

Promiscuità nel luogo di lavoro: sigilli ad un laboratorio di confezioni cinese

S critto da Vania Vannucchi , venerdì 11 maggio 2018  

Prato – Sequestrato un laboratorio di confezioni cinese operante nella periferia della città. Da tempo era finito nel mirino delle operazioni di controllo e vigilanza da parte della task force del Piano regionale per il lavoro sicuro.

I tecnici della prevenzione dell’ Unità funzionale prevenzione igiene e sicurezza nei Luoghi di Lavoro (PISLL) di Prato avevano bussato diverse volte al portone del laboratorio, rinforzato con un lucchetto, quasi a voler celare la presenza di attività lavorative all’interno e scoraggiare i tentativi di accesso da parte degli Organi di Vigilanza. Per accedere nei locali, infatti, è stato necessario passare da un locale adiacente e sfruttare un varco di collegamento interno.

Dallo scenario esterno sembrava si trattasse di una ditta “non attiva”, ma in realtà all’ interno si nascondeva un’intensa attività produttiva con operai che lavoravano in condizione di promiscuità.

E’ stata riscontrata la presenza di sei “loculi” illegalmente ricavati nel locale laboratorio, proprio accanto alle macchine da cucire,  un impianto elettrico “modificato” oltre alla preclusione di ogni possibile via di accesso e di fuga dalla sede, con elevato rischio per la sicurezza dei lavoratori.

I tecnici della prevenzione del Dipartimento della Prevenzione hanno quindi disposto l’adozione del provvedimento di sequestro.

Da tempo, nel corso delle operazioni di controllo non veniva riscontrata la presenza di dormitori abusivi all’interno dei luoghi di lavoro, merito questo dell’azione costante di vigilanza e controllo capillare sul territorio da parte degli ispettori del Piano Lavoro Sicuro.

Questo episodio, sottolinea Luigi Mauro, direttore Unità funzionale PISLL di Prato pur rappresentando un caso isolato, dimostra che nonostante i buoni risultati finora ottenuti, la strada per il raggiungimento di un livello di consapevolezza e sicurezza accettabile all’interno di questo distretto resta ancora lunga e spinge a proseguire l’azione di vigilanza intrapresa.”  

VV

39/18

A cura dell'Ufficio stampa e comunicazione. E-mail vania.vannucchi@uslcentro.toscana.it